English version at the end of the page

 

Una critica fatta di immagini, impattante, impulsiva, questa è l’arte di Barbara Kruger.

“I have no complaints, except for the world.” – Barbara Kruger.

Adoro questa artista, Barbara Kruger unì l’arte con la società dei consumi americana, in un modo così perfetto e geniale, che, a mio avviso, nemmeno Andy Warhol riuscì a fare.

Barbara Kruger - We don't need another heroL’artista, nata a Newark nel 1945, è sempre stata stimolata dal mondo artistico, frequentando diverse scuole d’arte e lavorando per svariate testate come grafica e fotografa, fino a raggiungere i settori del graphic designer, art director e picture editor, un curriculum vitae che delinea quello stile artistico che l’ha resa nota in tutto il mondo.

Prese in mano la fotografia nel 1977, scattando foto in bianco e nero, osservando i dettagli, poi pochi anni dopo, nel ’79, mette in pausa la passione per la fotografia per dare un nuovo slancio alla sua arte, realizzando collage con immagini e parole prese dai media statunitensi, donandogli una nuova accezione tutta critica.

Barbara Kruger - Our Leader WomenArtists Blog

Uno stile che richiama le teste giornalistiche, immagini in bianco e nero che contrastano con quelle scritte bianche contornate da un colore rosso acceso. Immagini che non devono piacere ma far riflettere, discutere, arrabbiare.

I suoi primi collage inaugurano una stagione di fermento politico e sociale, un’arte che parla di tutti i caratteri della società contemporanea e che si concentra soprattutto sulla rivendicazione femminista, palesando gli stereotipi di una mentalità maschilista.

Molto forti alcune delle sue opere proprio sullo stereotipo di genere come “Your Body is a Battleground” (1989) oppure “Perfect” (1980).

Il suo stile tendente all’arte pop l’ha portata a realizzare opere di sempre più grande dimensione, che invadono, avvolgono la figura umana usando, oltre alle immagini, anche video, audio e proiezioni, seducendo l’occhio dello spettatore, giocando con il bello ed il brutto della società. Creò grandi installazioni che inserì in gallerie, musei ma Barbara-Kruger-Belief+DoubtSanityBarbara_Kruger - Installazione

anche treni, bus, parchi. Le pareti, il pavimento, il soffitto, queste installazioni ricoprivano le intere superfici di grandi scritte, simili a slogan, che creavano un forte impatto alla persona che entrava per vedere.

Nel tardo 1990 iniziò anche a lavorare con la scultura anche se al grande pubblico rimane nota per i suoi grandi collage dal forte impatto visivo.

Nel 2005 la Kruger ottenne il “Leone d’Oro” alla cinquantunesima Biennale di Venezia.

Attualmente ha una cattedra all’Università della California a Los Angeles, dove insegna.

 

 

Bandiera-Inglese

 

 

A criticism made of images, impacting, impulsive, this is the art of Barbara Kruger.

“I have no complaints, except for the world.” – Barbara Kruger.

I love this artist, Barbara Kruger joined the art with the American society, in a perfect and brilliant manner that, in my opinion, not even Andy Warhol managed to do it.

The artist, born in Newark in 1945, has always been stimulated by the artistic world, attending several art schools and working for various newspapers such as graphic and photographer, reaching also the graphic designer and art director sector and picture editor, a curriculum vitae outlining her specific artistic style that made her famous all over the world.

Took up  photography in 1977, she took photos in black and white, observing the details, then a few years later, in ’79, stopped that passion to give a new impetus to his art, realizing collages with images and words taken from the U.S. media, giving a new critical way.

A style that recalls the journalistic heads, black and white images that contrast with phrases set in white and red. Images, photos that don’t have to pleasure people but make them to reflect, to discuss. Her first collage inaugurate a season of political and social ferment, her art speaks about all the characters of contemporary society and focuses mainly on feminist claims, revealing the stereotypes of a misogynist mentality.

Some of her works  on gender stereotype are so strong as “Your body is a battleground” (1989) or “perfect” (1980). Her style tending to pop art, has brought her to produce new  large size works, that invade, embrace the human figure using, in addition to the images,  videos, audio and projections, attracting the spectators eyes, playing with the beautiful part and the bad part of the society.

She started to create large installations which inserted in galleries, museums, trains, bus, parks. The walls, the floor, the ceiling, these installations covered the entire surfaces of buildings, like slogans; the aim is to create a strong impact on the person who came to see them.

In the late 1990, she also began to work with the sculpture even if the most important and known works are her large collages of strong visual impact.

In 2005 the Kruger got the “Leone d’Oro” to the 51st Venice Biennale. In currently years she teaches at the University of California in Los Angeles.

Alcune sue opere evocative:

Some important works:

Barbara-Kruger-your-body-is-a-battlegroundBarbara-Kruger-We-have-received-orders-not-to-move-1982Barbara Kruger - Monroe

 

Annunci